Piergiorgio Gerratana esponente del PD rosolinese, nonché presidente dell’assemblea
comunale di Rosolini.
Lei ha rappresentato in comune una mozione a sostegno di Radio Radicale ed è
stato pure intervistato dalla stessa emittente al riguardo. Ci può dire per dei comuni
quanto è importante Radio Radicale?
L’ordine del giorno approvato all’unanimità dal consiglio comunale di Rosolini è stato un
atto politico importante perché tutte le forze politiche della città l’hanno approvata. Tante
altre testate giornalistiche nazionali e locali rappresentano per tutti noi il baluardo per la
libertà d’espressione e la circolazione delle idee nella nostra nazione.
Passiamo al 25 aprile come stato celebrato a Rosolini e come giudica la decisione
del ministro Salvini che ha preferito andare a Corleone a parlare di mafia piuttosto
che celebrare la liberazione in modo ortodosso?
La nostra regione non ha vissuto la lotta di Liberazione come nel centro-nord, nonostante
ciò abbiamo una tradizione di impegno da parte della di tutta la cittadinanza di
riconoscimento di una data importante come il 25 aprile.
Riguardo le scelte del Ministro dell’Interno, il 25 aprile ci ha dato una grande lezione cioè
che la libertà in Italia non è una libertà a senso unico, è anche la libertà di poter schierarsi
anche contro la festa della liberazione.
E’ il grande insegnamento della lotta partigiana: è una scelta che riguarda il singolo
cittadino che può pure infischiarsene, diverso quando si tratta di una persona che
rappresenta le istituzioni perché deve ricordare ogni giorno che ha giurato davanti e sopra
la nostra Costituzione che gli ha permesso di avere quel ruolo che oggi occupa e non può
strumentalizzare una festa nazionale per scopi elettorali.
Per fortuna ci sono dei pilastri fondamentali che sono indipendenti dal Salvini di turno…
Come, ad esempio il Presidente Mattarella.
Passiamo dalla Liberazione al primo maggio come si prepara Rosolini a questo
appuntamento? Ci saranno eventi?
Il primo Maggio come il 25 aprile che rappresenta per tutti noi un pilastro della democrazia
l’articolo uno della nostra costituzione ce lo ricorda benissimo. Detto ciò Rosolini è una
città laboriosa che ha visto il proprio sviluppo proprio grazie al sudore di tanti nostri
concittadini che dentro le mura della città ti chiamo ma anche super posto fuori dalla
nostra nazione hanno sempre tenuto fermo un legame e con con la città di Rosolini e
riversando il risultato di tante fatiche quotidiane nel lavoro soprattutto lottano da questa
città.
Quindi per noi il primo maggio significa proprio festeggiare questo spirito che i nostri
concittadini hanno dimostrato. Poi da noi il primo maggio coincide con la festa della Santa
Croce, quindi riusciamo a creare una connessione tra sentimento religioso e quello di
sacrificio che i i rosolinesi rappresentano è quindi una grande giornata di festa proprio per
questo motivo per la nostra città.

Passiamo da Rosolini all’Europa.
Fra un mese ci saranno le europee, come si prepara il PD rosolinese e siciliano a
questo appuntamento elettorale, alla luce delle recenti amministrative, dove grazie il
PD ha retto bene. Come uscirà a confermare questa risultato?
Partiamo dal presupposto che le Europee sono un’appuntamento importantissimo. Come
dicevo prima l’Europa rappresenta la realizzazione di ideali che sono nati in alternativa al
regime fascista. Spinelli a Ventotene ideò quello che un giorno noi speriamo diventino gli
Stati Uniti d’Europa.
Le europee servono a difendere le istituzioni europee da chi le vuole mettere in
discussione, perché rappresentano le conquiste che il popolo italiano ha fatto.
Il Pd essendo una grande forza europeista e progressista si sta preparando bene.
Ha infatti presentato di personalità importanti che ha superato quella lotta fratricida tra
correnti che ha determinato le sconfitte del Partito Democratico e del csx in generale.
Poi offre all’opinione pubblica la presenza di personalità importanti. Primo tra tutti Pietro
Bartolo, il medico di Lampedusa che si è distinto in un’attività coraggiosa nei confronti dei
migranti. Poi Caterina Chinnisi, che è un’eurodeputato uscente, più tante altre personalità
che fanno emergere il meglio della nostra regione.
Il PD ha tutte le carte per fare un buon risultato e per far valere gli interessi siciliani nelle
istituzioni europee.
Vincenzogiuseppe Perricone

Intervista a Piergiorgio Gerratana Presidente dell’assemblea comunale di Rosolini

| Attualità, Cultura, News |
About The Author
-