A scuola si mangia….integrazione è il titolo di un progetto portato avanti da due anni dalla professoressa Mariagrazia Spanò che, con maestria, ha fatto la regista di una serata finale che coinvolge famiglie e alunni dell’Istituto Rogasi di Pozzallo.

Quest’anno i paesi coinvolti erano soltanto quelli dell’area mediterranea, proprio per la presenza a scuola di alunni provenienti da questi posti. Sul palco della piazza Rimembranza, la cui scenografia è stata amabilmente curata dalla professoressa Rossella Smarrocchio, si sono esibiti gli alunni con canti, video, danze, poesie, cibi: è stata la festa di tutta Pozzallo che ha potuto fare un giro in Algeria, in Tunisia, in Marocco, in Egitto, in Turchia, in Grecia, in Gambia, in Liberia, e infine…in Sicilia! Dalla danza del ventre, la cui maestra è stata Saadia El Montassir, alla tarantella ballata dagli alunni della professoressa Grazia Agosta, al sirtaki della maestra Carmela Azzarelli allo sketch nelle varie lingue della professoressa Giannone, alla presentazione di Maurizio ….ai canti dei bambini della scuola primaria, alla preparazione delle pietanze dei vari paesi da parte delle mamme degli alunni della scuola Rogasi. Proprio grazie alle mamme si sono potute degustare le pietanze delle varie regioni: hanno fatto bella mostra di sé le varie zuppe, il couscous speziato, il brik, fino ad arrivare alle scacce e ai cannoli siciliani.

Sono intervenuti sul palco il sindaco insieme alla sua giunta che si sono complimentati con la preside per la bellezza della serata, ma sopratutto per il messaggio della serata che è quello dell’integrazione fra popoli. Una serata che annovera sempre di più la scuola Rogasi al primo posto per la sensibilità nell’accoglienza degli alunni stranieri che vengono seguiti da personale specializzato e vengono accompagnati nel corso dei loro studi, tutto questo è grazie alla volontà e alla sensibilità del DS, professoressa Grazia Basile.
Antonella Giannone

A scuola si mangia integrazione

About The Author
-